Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 18 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

L’errore in UNICO non ostacola la rivalutazione delle partecipazioni

/ Salvatore SANNA

Martedì, 16 ottobre 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 7 comma 2 lett. dd) - gg) del DL 13 maggio 2011 n. 70 (conv. L. 106/2011) aveva nuovamente riaperto i termini per la rideterminazione del costo o valore d’acquisto delle partecipazioni non negoziate in mercati regolamentati, prevista dall’art. 5 della L. 28 dicembre 2001 n. 448 con riferimento alle partecipazioni possedute alla data del 1° luglio 2011 da parte di soggetti non imprenditori.

Tale rideterminazione del costo fiscale era subordinata al pagamento di un’imposta sostitutiva, sull’intero valore periziato, pari al 4% o al 2%, a seconda che si tratti di partecipazioni “qualificate” o “non qualificate”.
In merito, si ricorda che, secondo quanto chiarito dalla circ. Agenzia delle Entrate 4 agosto 2004 n. 35 (§ 2), l’opzione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU