X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Formazione del personale in materia di antiriciclaggio senza linee guida

L’importanza di un’adeguata formazione dei collaboratori viene ribadita anche nella circolare della GdF

/ Stefano DE ROSA

Lunedì, 22 ottobre 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il DLgs. 231/2007 contiene numerose disposizioni che coinvolgono gli Ordini professionali, attribuendo agli stessi una molteplicità di funzioni, in alcuni casi di vigilanza dell’osservanza degli obblighi previsti in materia di antiriciclaggio, in altri casi consultive, in altri ancora di vera e propria collaborazione attiva con la UIF, le autorità di vigilanza di settore, la DIA e la GdF. Gli Ordini professionali svolgono, inoltre, una funzione di veicolo delle informazioni e dei dati che vengono scambiati tra i professionisti e le istituzioni individuate nel decreto.

In tale contesto certamente complesso, profili di criticità emergono dal disposto di cui all’articolo 54 del DLgs. 231/2007, che prevede la necessità di un’adeguata formazione dei collaboratori dei professionisti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU