X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

La revoca dell’unico accomandatario amministratore «scioglie» la società

/ Francesca TOSCO

Lunedì, 22 ottobre 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

Com’è noto, la sas si caratterizza per l’“istituzionale” presenza di due categorie di soci: i soci accomandatari, ai quali è riservata la gestione della società e che, analogamente ai soci della snc, rispondono illimitatamente e solidalmente per le obbligazioni sociali, e i soci accomandanti, i quali rispondono limitatamente alla quota conferita, ma non possono compiere, se non in presenza delle condizioni ed entro i limiti tassativamente stabiliti dalla legge, atti di amministrazione della società, pena la violazione del divieto di immistione e la perdita del beneficio della responsabilità limitata (artt. 2313, 2318 e 2320 c.c.).

Proprio in considerazione della particolare conformazione della sas, l’art. 2323 c.c., con riferimento all’ipotesi in cui vengano ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU