X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Passa dal commercialista il nuovo rapporto tra banca e imprese

Strumenti e metodi di comunicazione sono stati al centro della seconda giornata del Convegno nazionale dell’Unione giovani

/ Savino GALLO

Sabato, 20 ottobre 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

VICENZA – Iniziato nell’ultima parte del pomeriggio di giovedì 18, giornata inaugurale del Convegno nazionale dell’Unione giovani commercialisti (si veda “Di Vona: «Commercialisti e imprese insieme per risollevare il Paese»” di ieri), il dibattito su rapporto e metodi di comunicazione tra banca e impresa è continuato nella mattinata di ieri. Un rapporto complesso, reso ancor più complicato dalla lunga crisi economica, che l’UNGDCEC ha ovviamente inteso guardare dalla prospettiva del commercialista, figura oggi più che mai decisiva per le possibilità dell’impresa di accedere al credito.

Perché oltre ai numeri, quelli contenuti tanto nel bilancio quanto nei documenti interni al sistema bancario, l’andamento e le possibilità dell’impresa sono influenzate ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU