X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Adeguata verifica rafforzata nei casi di rischio elevato di riciclaggio

/ Stefano DE ROSA

Venerdì, 18 gennaio 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

La normativa antiriciclaggio prevede che gli obblighi di adeguata verifica vengano assolti applicando, a seconda dei casi, misure ordinarie, semplificate o rafforzate. In particolare, ai sensi dell’articolo 28 del DLgs. 231/2007, il professionista deve adottare procedure di verifica più rigorose in presenza di un rischio più elevato di riciclaggio o di finanziamento del terrorismo.

Per la determinazione del livello di rischio la norma non prevede regole specifiche, limitandosi ad indicare alcuni criteri generali (disposti dall’art. 20 del DLgs. 231/2007) da tenere in considerazione con riguardo al cliente (fra i quali la natura giuridica, il comportamento tenuto e l’area geografica di residenza) e all’operazione, al rapporto continuativo o alla prestazione professionale ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU