X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Per l’attività di allevamento, criteri di calcolo fermi al 2006

/ Arianna ZENI

Mercoledì, 23 gennaio 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il reddito agrario (artt. 32-35 del TUIR):
- è attribuibile ai soggetti (possessori o affittuari del fondo) che svolgono attività agricole sul terreno, direttamente o avvalendosi del lavoro di dipendenti;
- esprime la componente della redditività media ordinaria del terreno imputabile al capitale d’esercizio ed al lavoro di organizzazione impiegati, nei limiti delle potenzialità del fondo, nell’esercizio di attività agricole su di esso;
- è determinato mediante l’applicazione di tariffe d’estimo stabilite per ciascuna qualità e classe di coltura secondo le norme della legge catastale (art. 3 del DPR 604/73).

Con riferimento all’allevamento di animali, si genera reddito agrario soltanto se svolto con mangimi ottenibili per almeno un quarto dal terreno.
È quindi necessario ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU