X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 27 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La ritenuta del 20% sui fondi esteri «dipende» dal gestore

Come precisa la circ. 19 dell’Agenzia sugli organismi d’investimento collettivo mobiliare, a tal fine conta che la SGR sia soggetta a vigilanza

/ Salvatore SANNA

Mercoledì, 5 giugno 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Secondo le modifiche introdotte dal DL 225/2010 all’art. 10-ter della L. 77/1983, il regime di tassazione previsto per i proventi derivanti dalla partecipazione ad OICVM comunitari armonizzati trova applicazione anche per i proventi derivanti dalla partecipazione agli OICVM di diritto estero non conformi alla direttiva comunitaria 2009/65/CE, situati in Stati diversi da quelli considerati a fiscalità privilegiata. In particolare, è stato previsto che, per gli OICVM non armonizzati situati negli Stati UE e negli Stati SEE inclusi nella white list, il requisito della “vigilanza” deve essere verificato in capo al soggetto gestore e non, come previsto dalla previgente formulazione normativa, in capo all’organismo di investimento.

Sul tema, è intervenuta la circolare n. 19 ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU