X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

L’accertamento può essere notificato alla società fiduciaria

Per la Provinciale di Taranto, il rapporto fiduciario non rileva nei confronti dei terzi, da qui la soggettività passiva della fiduciaria

/ Alfio CISSELLO

Venerdì, 13 settembre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Commissione tributaria provinciale di Taranto, con la sentenza 432 del 2013, si è soffermata su un aspetto interessante che, per quanto ne sappiamo, è la prima volta ad essere preso in considerazione dalla giurisprudenza tributaria: la soggettività della società fiduciaria ai fini dell’accertamento delle imposte.

Nel caso di specie, una società fiduciaria aveva sottoscritto un aumento di capitale sociale e, a seguito di rettifica dei valori dei cespiti, era stata notificataria di un accertamento ai fini dell’imposta di registro.
Come eccezione pregiudiziale, la società aveva sostenuto di essere priva di legittimazione, sulla base del fatto che essa svolgeva l’attività di amministrazione fiduciaria, quindi sarebbe stata una semplice intestataria delle quote e non l’effettiva

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU