X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

Tassi internazionali ancora in rialzo

Con l’allentamento delle tensioni sulla siria e alcuni discreti dati provenienti dalla Cina, il titolo decennale americano si porta al 3%

/ Stefano PIGNATELLI

Mercoledì, 11 settembre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il movimento al rialzo dei tassi internazionali ed in particolare dei Bund e dei Bond Usa sta continuando anche in queste ultime settimane. Oggi, grazie all’allentamento delle tensioni sulla Siria e ad alcuni discreti dati provenienti dalla Cina che stanno conducendo al rialzo le borse, il titolo decennale americano si porta al 3%, livello toccato l’ultima volta a metà del 2011 e il titolo decennale tedesco si affaccia sopra il 2%, livello che non si vedeva da marzo 2012.

Il rialzo dei rendimenti governativi, oltre ad appesantire il costo del debito, ha un impatto immediato sui tassi Irs e cioè sui tassi applicati alle operazioni di finanziamento a tasso fisso: stipulare quindi un mutuo a tasso fisso sta diventando più oneroso. I tassi Irs sono inoltre utilizzati per coprire dal ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU