X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

L’accomandante che gestisce interi settori dell’attività sociale fallisce con la sas

In tal caso, infatti, si determinano la violazione del divieto di ingerenza e la perdita dalla responsabilità limitata

/ Francesca TOSCO

Venerdì, 11 ottobre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

In tema di sas, l’art. 2320 c.c. – dopo aver stabilito il divieto di ingerenza nella gestione da parte dei soci accomandanti – consente a questi ultimi di trattare o concludere affari in nome della società, in forza di una “procura speciale per singoli affari”, ossia esclusivamente previa individuazione specifica dell’attività delegata.

Deve, invece, ritenersi incompatibile con il divieto fissato dalla norma citata la delega all’accomandante della gestione di un settore dell’attività societaria, che comporti autonome scelte di indirizzo economico-finanziario e, in ogni caso, condizionamento delle scelte spettanti all’accomandatario. In tali ipotesi, l’accomandante ingeritosi indebitamente nell’amministrazione assume la qualità di socio illimitatamente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU