X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

LAVORO & PREVIDENZA

Contributo di licenziamento anche in caso di recesso per ragioni disciplinari

Il Ministero del Lavoro ha chiarito che, in tal caso, l’obbligo sussiste perché il lavoratore ha diritto all’ASpI

/ Francesca TOSCO

Venerdì, 25 ottobre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Anche nell’ipotesi di licenziamento disciplinare, intimato per inadempienze contrattuali e mancanze più o meno gravi del lavoratore (giustificato motivo soggettivo o giusta causa), si configura il diritto di quest’ultimo a percepire l’ASpI e, conseguentemente, l’obbligo per il datore di lavoro di versare il c.d. “contributo di licenziamento” di cui all’art. 2, comma 31 della L. 92/2012.
È questa la risposta fornita dal Ministero del Lavoro con l’interpello n. 29 del 23 ottobre 2013 (pubblicato ieri sul sito istituzionale) ad un quesito posto dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro.

Va ricordato che tale legge – la “riforma Fornero” del mercato del lavoro – da un lato, al fine di fornire un’indennità ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU