ACCEDI
Martedì, 27 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Revisori quasi mai responsabili per condotte negligenti

Occorre sempre fornire la prova del nesso di causalità tra la condotta ed il danno patrimoniale patito dalla società

/ Maurizio MEOLI

Martedì, 10 dicembre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

In caso di fallimento di una società, il relativo curatore, per far valere la responsabilità del revisore, è tenuto a fornire una prova rigorosa delle interrelazioni tra condotta negligente e danno; danno che comunque tende a coincidere con la sottovalutazione della società o con il compenso indebitamente erogato. Nel caso di incaricovolontario” di revisione, poi, il giudizio fornito in modo scorretto non può, per assenza di pubblicità, ritenersi la causa del danno patito da taluni creditori, in sostituzione dei quali non è comunque legittimato ad agire il curatore del fallimento.
Sono queste le interessanti precisazioni fornite dal Tribunale di Roma nella sentenza n. 9914 dell’8 maggio scorso e che sarà oggetto di autorevole commento sul numero 12 di “Società e Contratti,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU