X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 21 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Dichiarazioni d’intento da trasmettere nel 2014 con le regole vigenti

Il Ddl. contenente misure di semplificazione, fermo in Senato, dispone novità a partire dal 1° gennaio, ma è difficile che venga approvato in tempo

/ Sandro CERATO e Michele BANA

Lunedì, 23 dicembre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Approssimandosi la fine del 2013, gli esportatori abituali provvedono all’invio delle prime dichiarazioni d’intento per l’acquisto di beni e servizi senza applicazione dell’IVA, ai sensi dell’art. 8, comma 2 del DPR 633/72, a valere per l’anno 2014.

I soggetti passivi d’imposta che ricevono tali dichiarazioni devono, come noto, provvedere alla trasmissione delle stesse all’Amministrazione finanziaria entro il termine della liquidazione periodica IVA (mensile o trimestrale) in cui è confluita la prima operazione effettuata senza applicazione dell’imposta, ai sensi dell’art. 8, lett. c), del DPR 633/72 (termine così modificato dal DL n. 16/2012), anche se l’Agenzia delle Entrate ha precisato, con la ris. 1° agosto 2012 n. 82, che ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU