X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Responsabile dell’omesso versamento IVA chi amministra a fine dicembre

A rilevare è il momento consumativo della fattispecie ovvero il termine per il versamento dell’acconto IVA relativo al periodo d’imposta successivo

/ Maurizio MEOLI

Martedì, 28 gennaio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Risponde di omesso versamento IVA (art. 10-ter del DLgs. 74/2000) colui che ricopra la carica di rappresentante legale della società nel momento consumativo della fattispecie, ovvero allo spirare del termine per il versamento dell’acconto IVA relativo al periodo d’imposta successivo, anche se l’assunzione dell’incarico è precedente di pochi giorni.
A stabilirlo è la Cassazione nella sentenza n. 3636 di ieri.

Tizio, agli inizi di dicembre 2006, acquistava le quote di maggioranza della Alfa srl e ne diveniva amministratore. Sulla società gravava un debito IVA per l’anno 2005 pari a poco più di 50.000 euro, suscettibile di integrare il delitto di cui all’art. 10-ter del DLgs. 74/2000, che, si ricorda, punisce con la reclusione da sei mesi a due anni chiunque non ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU