Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

È omesso versamento anche se si avanzano soldi dallo Stato

Per la Cassazione l’imprenditore deve accantonare le somme per il successivo pagamento delle imposte

/ Ciro SANTORIELLO

Mercoledì, 5 febbraio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. Solo ieri, su Eutekne.info, si è manifestata qualche perplessità sulla scelta della Cassazione di considerare comunque consumato il reato di omesso versamento dei contributi previdenziali anche nell’ipotesi in cui l’inadempimento dipenda da una – acclarata ed adeguatamente documentata – crisi di liquidità dell’impresa (si veda “Neanche il fallimento salva dall’omesso versamento delle ritenute previdenziali” del 4 febbraio).

Tali perplessità aumentano, fino a diventare aspre critiche, leggendo la decisione della Suprema Corte n. 5467 depositata ieri. Di per sé, questa sentenza ribadisce il principio dell’indifferenza della condizione economica dell’imprenditore rispetto ad ogni ipotesi, penalmente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU