Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 5 febbraio 2023

FISCO

Rivalutazione solo civilistica a rischio contestazione

Presumibile la richiesta dell’imposta sostitutiva in sede di accertamento, unitamente alla sanzione del 30% per omesso versamento

/ Gianluca ODETTO

Giovedì, 13 febbraio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel corso di Telefisco 2014, l’Agenzia delle Entrate ha ritenuto non possibile rivalutare i beni d’impresa ai sensi della L. 147/2013 ai soli fini civilistici; secondo l’Agenzia, dalla formulazione dell’art. 1 comma 143 della legge di stabilità 2014 conseguirebbe, infatti, l’obbligo per le imprese di assolvere sui maggiori valori iscritti l’imposta sostitutiva del 12% o del 16%.

Se l’attenzione dei primi commentatori si è incentrata sulla correttezza o meno di tale linea interpretativa, è rimasta invece più nell’ombra una questione essenziale per chi si appresta a valutare l’operazione: ci si chiede, infatti, quali poteri abbia l’Amministrazione finanziaria per contestare la rivalutazione eventualmente effettuata senza il pagamento ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU