X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 27 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Resta l’esenzione per i trasferimenti in sede di separazione e divorzio

L’abrogazione delle agevolazioni ex DLgs. 23/2011 non può incidere sul beneficio relativo a tali atti, che ha un diverso ambito oggettivo

/ Gaetano PETRELLI

Giovedì, 13 febbraio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 10 del DLgs. 14 marzo 2011, n. 23 ha profondamente modificato la disciplina dell’imposta di registro, e delle altre imposte indirette (con l’eccezione dell’imposta sul valore aggiunto), applicabili ai trasferimenti immobiliari onerosi, di cui all’art. 1 della Tariffa, parte prima, allegata al DPR 26 aprile 1986, n. 131.
Il comma 4 del suddetto art. 10 ha stabilito che, con effetto dal 1° gennaio 2014, in relazione ai suddetti atti “sono soppresse tutte le esenzioni e le agevolazioni tributarie, anche se previste in leggi speciali”.

Tra i numerosi problemi interpretativi, che la norma ha posto, uno dei più discussi – in fase di prima applicazione – è risultato quello relativo all’applicabilità o meno della disposizione abrogativa alle agevolazioni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU