Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 11 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La contestazione dell’elusione richiede il contraddittorio preventivo

Ciò dovrebbe avvenire a prescindere dal fatto che si tratti di una delle operazioni codificate dall’art. 37-bis o che venga contestato l’abuso di diritto

/ Alessandro BORGOGLIO

Mercoledì, 19 marzo 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’abuso di diritto, ancora lungi dal trovare una sistemazione normativa appropriata, pur nelle more di una delega fiscale che, in qualche modo, dovrà tradurre in norme di diritto i principi giurisprudenziali che al momento lo governano, rimane una tra le fattispecie più discusse e controverse in dottrina e nella giurisprudenza di merito, come si evince dalla sentenza 545/1/14 della C.T. Reg. di Roma.

Sebbene la parte motiva sia piuttosto corposa, in realtà la questione esaminata è abbastanza semplice. Una srl aveva ricevuto un avviso di accertamento fondato su un PVC redatto dalla Guardia di Finanza: mentre nell’atto istruttorio prodromico veniva contestata dalle Fiamme Gialle un’elusione fiscale ex art. 37-bis del DPR 600/1973, nell’avviso di accertamento l’Ufficio ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU