X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Nella truffa contrattuale il danno deve avere contenuto patrimoniale

Per la Cassazione deve consistere in un effettivo depauperamento economico e non semplicemente in una lesione potenziale

/ Vincenzo PACILEO

Venerdì, 28 marzo 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza 5501/2014 la Cassazione affronta il tema sempre vivo degli elementi costitutivi della truffa contrattuale, in particolare per quanto riguarda il danno subito dalla persona offesa, essendo la condotta decettiva dell’agente l’altro tassello che va a integrare il reato.

Nel caso di specie la Corte d’Appello confermava la sentenza di condanna a carico di un soggetto che aveva ceduto la propria attività commerciale, tacendo all’acquirente l’esistenza di pignoramenti su alcuni cespiti costituenti l’azienda ceduta. Una volta venuto a conoscenza del vincolo cautelare il compratore aveva chiesto e ottenuto il sequestro di tre assegni a scadenza mensile (sic!), che formavano parte del pagamento del prezzo, per il resto regolato in contanti.

La Corte d’Appello, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU