ACCEDI
Giovedì, 13 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

L’acquiescenza pregiudica il contribuente nella competenza fiscale

Sarebbe bene estendere l’utilizzo del quadro RS, ora circoscritto alla correzione degli errori contabili

/ Alfio CISSELLO

Giovedì, 3 aprile 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le contestazioni sulla violazione della competenza fiscale continuano a far discutere, in quanto, come noto, possono comportare problemi di duplicazione d’imposta.
Per fare l’ipotesi più semplice, se l’Ufficio recupera a tassazione un costo erroneamente dedotto nell’anno X, dal momento in cui l’accertamento viene definitivo sorge il diritto alla restituzione delle maggiori imposte pagate per effetto della mancata deduzione del medesimo nell’anno di competenza.

L’Agenzia delle Entrate, nella circolare 31/2012, aveva specificato che è possibile compensare l’imposta dovuta con quella che darebbe diritto al rimborso di quanto indebitamente versato, ferma restando l’applicazione delle sanzioni e degli interessi: ciò, aggiungiamo noi, può avvenire ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU