X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 27 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Dal 1° luglio dividendi non qualificati tassati al 26%

«Salvi», per ora, i dividendi relativi a partecipazioni qualificate, che concorreranno per il 49,72% al reddito delle persone fisiche

/ Salvatore SANNA

Martedì, 24 giugno 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

La legge di conversione del DL 66/2014 (L. 23 giugno 2014 n. 89, pubblicata sulla G.U. n. 143 di ieri e in vigore da oggi) ha confermato l’applicazione, dal prossimo 1° luglio, della nuova aliquota del 26% prevista per le ritenute e per le imposte sostitutive sugli interessi, premi e ogni altro provento considerato reddito di capitale e sui redditi diversi di natura finanziaria.

Relativamente ai dividendi e alle fattispecie assimilate, viene previsto che:
- a livello di regola generale, sarà sostituita la ritenuta e l’imposta sostitutiva del 20% con il nuovo prelievo del 26%;
- quale deroga esplicita, il mantenimento dell’aliquota dell’1,375% per la ritenuta operata a titolo d’imposta sulle distribuzioni effettuate nei confronti di società di capitali comunitarie ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU