Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 6 febbraio 2023 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Stessa PEC per più imprese «anomalia» da correggere

Lo ha ribadito il MISE che, con la circolare di ieri, preannuncia misure per garantire la tendenziale esaustività ed affidabilità degli indirizzi

/ Roberta VITALE

Martedì, 24 giugno 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il Ministero dello Sviluppo economico, con la circolare n. 3670/C di ieri, 23 giugno 2014, ha ribadito la necessità di un indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC) univoco ed esclusivo per ogni impresa.
Si tratta dell’obbligo imposto dall’art. 16, commi 6 e 6-bis, del DL 185/2008 (conv. L. 2/2009) e dall’art. 5, commi 1 e 2, del DL 179/2012 (conv. L. 221/2012), in capo alle imprese costituite in forma societaria e alle imprese individuali iscritte nel Registro delle imprese.

In merito, il MISE era già intervenuto con lettera circolare prot. n. 77684 del 9 maggio 2014, precisando che in caso di rilevamento, d’ufficio o su segnalazione di terzi, dell’iscrizione di un indirizzo di PEC, di cui sia titolare una determinata impresa, sulla posizione di un’altra ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU