Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 5 febbraio 2023

IMPRESA

Denunciabili al Tribunale le irregolarità gravi, potenzialmente dannose ed attuali

Il Tribunale di Roma chiarisce i presupposti del controllo giudiziario ed applica il principio della soccombenza alle spese per il procedimento

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 17 luglio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Perché si possa concretamente attivare il controllo giudiziario sulla gestione, ex art. 2409 c.c., è necessario che le irregolarità degli amministratori siano non solo gravi ma anche potenzialmente dannose e, quindi, attuali. Sono queste talune tra le indicazioni che emergono dal provvedimento del Tribunale di Roma del 19 marzo scorso, reso in relazione al ricorso di alcuni soci di una società consortile per azioni.

Ai sensi dell’art. 2409 comma 1 c.c., se vi è fondato sospetto che gli amministratori, in violazione dei loro doveri, abbiano compiuto gravi irregolarità nella gestione che possano arrecare danno alla società o a una o più società controllate, i soci che rappresentano il decimo del capitale sociale (o, nelle società che fanno ricorso al mercato del ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU