Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 1 luglio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

L’interpello produce effetti solo se preventivo

Perché abbia un’efficacia vincolante, il contribuente deve presentare l’istanza prima di porre in essere la condotta su cui chiede chiarimenti

/ Alessandro BORGOGLIO

Venerdì, 18 luglio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’interpello ordinario, affinché produca l’effetto vincolante per l’Amministrazione finanziaria in relazione alla risposta resa, deve essere presentato prima che il contribuente ponga in essere il comportamento fiscale su cui sono richiesti i chiarimenti mediante la stessa istanza di interpello. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, con la sentenza n. 16331 di ieri.

L’art. 11 dello Statuto del contribuente (L. 212/2000) consente, qualora ricorrano obiettive condizioni di incertezza sull’interpretazione di una disposizione normativa di natura tributaria, di inoltrare all’Amministrazione finanziaria un’istanza di interpello riguardante l’applicazione della disposizione stessa in relazione ad un caso concreto e personale.
Con il DM 26 aprile 2001 ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU