ACCEDI
Domenica, 16 giugno 2024

FISCO

Negato «tout court» il reverse charge ai Compro Oro

Per la C.T. Prov. di Milano, l’utilizzo dell’art. 17 comma 5 del DPR 633/72 è condizionato dal possesso dei requisiti di operatore professionale

/ Nunzio RAGNO

Venerdì, 25 luglio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 6171/16/14, la C.T. Prov. di Milano non riconosce l’applicazione del meccanismo del reverse charge al “Compro Oro” che ha ceduto i propri oggetti preziosi usati e/o avariati, precedentemente acquistati da privati, a fonderie per la loro successiva ed esclusiva fusione.
I giudici meneghini si sono basati esclusivamente sul disposto dell’art. 3 comma 4 della L. 7/2000, che ha regolamentato il commercio dell’oro (“oro da investimento” e “materiale d’oro”) per i soggetti in possesso dei requisiti di cui all’art. 1, comma 2 della medesima.

Infatti, il menzionato art. 3 comma 4, introducendo il comma 5 all’art. 17 del DPR 633/72, prevede l’assolvimento dell’imposta in capo al cessionario solo per ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU