Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Sequestrabili le quote di fondi comuni d’investimento comprate per conto terzi

La qualificazione di beni mobili registrati preclude l’acquisto diretto della proprietà in capo al mandatario e legittima il sequestro al mandante

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 25 settembre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

È legittimo il provvedimento di sequestro preventivo per equivalente di quote di un fondo comune di investimento immobiliare di tipo chiuso – rappresentate da titoli nominativi e costituenti beni mobili registrati – acquistate dall’indagato per conto di altri soggetti sulla base di un negozio fiduciario. L’interessante precisazione è stata resa dalla sentenza n. 39137 della Cassazione depositata ieri.

L’art. 1 comma 143 della L. 244/2007 ha reso applicabili alla quasi totalità dei reati tributari la confisca, anche per equivalente, del profitto conseguito (e, in via preventiva, il sequestro) attraverso il richiamo all’art. 322-ter c.p. Per inciso si segnala come l’unica fattispecie penale tributaria non contemplata – l’art. 10 del DLgs. 74/2000 (occultamento ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU