ACCEDI
Martedì, 21 maggio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per la deducibilità dei costi intercompany è decisivo il contratto

Secondo la Cassazione n. 20054/2014, l’inerenza all’attività dell’impresa emerge dallo specifico riscontro contrattuale

/ Silvia LATORRACA

Giovedì, 25 settembre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 20054 di ieri, 24 settembre 2014, la Cassazione ritorna sul tema della deducibilità fiscale, ai fini del reddito d’impresa, dei costi intercompany. Se, da un lato, la pronuncia (pro contribuente) non può che essere accolta con favore, dall’altro lato, la stessa denota un orientamento non sempre univoco nell’ambito della Suprema Corte.

A ben vedere, i giudici di legittimità effettuano una valutazione compiuta della fattispecie e assumono un orientamento certamente condivisibile laddove la sussistenza del requisito dell’inerenza viene verificata avuto riguardo al contenuto economico dei rapporti tra le parti.
Il caso di specie attiene a “costi per l’addebito di corrispettivi acquisti intercompany”, ritenuti dall’Ufficio privi dei

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU