X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 27 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Opzionale il regime del gruppo ai fini IVA

Il decreto legislativo allo studio del Governo in attuazione della delega fiscale conterrebbe norme in linea con la visione dei giudici comunitari

/ Simonetta LA GRUTTA

Lunedì, 29 settembre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Continua il dibattito sulle conseguenze della sentenza della Corte di Giustizia Ue sul “caso Skandia”, causa C-7/13 del 17 settembre 2014 (si veda “La casa madre della stabile non può aderire al gruppo IVA” del 18 settembre 2014).
La sentenza ha sancito il principio secondo cui le prestazioni di servizi rese, a titolo oneroso, dalla casa madre alla stabile organizzazione sono rilevanti ai fini IVA se la stabile organizzazione fa parte di un gruppo IVA di cui all’art. 11 della direttiva 2006/112/CE (in via di implementazione in Italia a seguito della delega fiscale).

In sostanza, secondo la Corte, l’adesione della stabile organizzazione al gruppo IVA è prevalente e fa venir meno l’unitarietà soggettiva tra casa madre e branch, a nulla rilevando che quest’ultima ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU