X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 15 luglio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Riattribuzione delle ritenute allo studio senza visto di conformità

L’obbligo si applica invece alle cessioni delle eccedenze IRES infragruppo o da parte della società consolidante

/ Massimo NEGRO

Venerdì, 26 settembre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

In relazione all’ambito di applicazione del visto di conformità, la circolare 28 dell’Agenzia ribadisce che il visto non è necessario qualora i crediti utilizzati in compensazione non superino ciascuno l’importo di 15.000 euro (cfr. circ. 10/2014); viene inoltre precisato che non rilevano le c.d. “compensazioni interne” (cioè relative alla stessa imposta, es. saldo IRPEF a credito compensato con il relativo acconto), anche se vengono esposte nel modello F24.
L’utilizzo in compensazione di un credito per un importo superiore a 15.000 euro comporta invece l’obbligo di apposizione del visto su tutta la dichiarazione, anche in presenza di altri crediti di ammontare inferiore alla soglia (utilizzati o meno in compensazione).

In relazione ai crediti rilevanti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU