X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La liquidazione volontaria complica la trasformazione delle DTA

Secondo la ris. 92/2014 per la trasformazione è necessario un disallineamento tra valore contabile e fiscale dei crediti

/ Silvia LATORRACA

Martedì, 21 ottobre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’Agenzia delle Entrate ha fornito, mediante, la risoluzione n. 92 di ieri, 20 ottobre 2014, ulteriori chiarimenti in merito al regime di trasformazione delle attività per imposte anticipate in crediti d’imposta, questa volta limitatamente all’ipotesi di liquidazione volontaria.

L’art. 2 comma 56-ter del DL 29 dicembre 2010 n. 225 (conv. L. 26 febbraio 2011 n. 10), inserito dall’art. 9 del DL 201/2011 (conv. L. 214/2001), stabilisce che la disciplina relativa alla trasformazione delle DTA (deferred tax assets) in crediti d’imposta si applica, tra l’altro, anche ai bilanci di liquidazione volontaria.
In relazione a tale ipotesi di trasformazione, la precedente circ. Agenzia delle Entrate 28 settembre 2012 n. 37 aveva precisato che la previsione in esame ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU