X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 7 maggio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Responsabilità penale dell’Organismo di vigilanza da valutare caso per caso

La responsabilità civile, invece, va ricondotta a una responsabilità contrattuale nei confronti della società

/ Paolo VERNERO e Benedetta PARENA

Giovedì, 30 ottobre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Gli artt. 2381 e 2403 c.c., prevedendo specifici obblighi di organizzazione e di vigilanza, hanno creato una saldatura tra il sistema della responsabilità esterna (cioè della società nei confronti del mondo esterno, per i reati commessi dai suoi amministratori) e il sistema della responsabilità interna (ovvero degli amministratori nei confronti della società e degli altri soggetti danneggiati dai predetti comportamenti).

Per quanto concerne nello specifico la responsabilità civile in capo ai componenti dell’Organismo di vigilanza, essa va ricondotta ad una responsabilità contrattuale nei confronti della società (in particolare in quella forma che viene definita quale obbligazione di mezzi); mentre viene generalmente esclusa la possibilità di configurare una responsabilità extracontrattuale ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU