X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 settembre 2021 - Aggiornato alle 11.50

IMPRESA

Ratificabili i maggiori compensi del manager

Per il Tribunale di Milano i soci possono ratificare un’eventuale maggiore attribuzione effettuata nell’esercizio precedente solo con delibera espressa

/ Maurizio MEOLI

Lunedì, 3 novembre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

La determinazione dei compensi degli amministratori è tra i temi più delicati da affrontare nell’ambito delle realtà societarie. In materia di società di capitali, in particolare, vige il principio della naturale onerosità della carica gestoria. La pretesa di un amministratore al compenso per l’opera prestata ha natura di diritto soggettivo perfetto, sicché, ove la misura di esso non sia stata stabilita dallo statuto o dall’assemblea, può esserne chiesta al giudice la determinazione (cfr., tra le altre, Cass. n. 8897/2014, Cass. n. 16764/2005 e Trib. Milano n. 2610/2013).

Una recente ordinanza del Tribunale di Milano, del 2 settembre 2014, ricorda come in materia vigano i seguenti principi.
Al giudice, innanzitutto, non è consentito sindacare nel merito la misura del compenso ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU