X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

«Patent box» al nodo delle opere dell’ingegno

Pare preferibile un’interpretazione restrittiva, limitata alle «creazioni utili» tutelate dalla legge sul diritto d’autore

/ Massimo TRAVOSTINO

Lunedì, 3 novembre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Come già evidenziato nei giorni scorsi su Eutekne.info, al fine di incentivare l’attività di ricerca e sviluppo delle imprese e gli investimenti nella tutela della proprietà intellettuale, il Ddl. di stabilità introduce nel nostro ordinamento un regime opzionale di tassazione agevolata dei redditi derivanti dall’utilizzazione di alcune tipologie di beni immateriali (si veda “Anche in Italia arriva la «Patent box»” del 23 ottobre).

L’art. 7, comma 5 prevede, infatti, che i redditi dei soggetti titolari di redditi di impresa “derivanti dall’utilizzo di opere dell’ingegno, da brevetti industriali, da marchi d’impresa funzionalmente equivalenti ai brevetti, nonché da processi, formule e informazioni relativi ad esperienze acquisite nel campo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU