X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 25 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Possibile il ravvedimento della prima rata dell’IMU 2014

C’è tempo fino a giugno 2015 per sanare la posizione, nel caso non sia stata in tutto o in parte versata tale rata per l’anno 2014 scaduta il 16 giugno

/ Arianna ZENI

Venerdì, 14 novembre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’avvicinarsi della scadenza, fissata al 16 dicembre 2014, per il pagamento della seconda rata dell’IMU per l’anno 2014 può accadere che ci si accorga di aver versato meno di quanto dovuto o addirittura di aver omesso di versare in toto la prima rata che era dovuta entro il 16 giugno 2014.

Al fine di sanare la propria posizione, ricordiamo la disciplina del c.d. “ravvedimento operoso” che consente di sanare spontaneamente le violazioni commesse fruendo di rilevanti riduzioni delle sanzioni amministrative.
Le violazioni attinenti agli obblighi di versamento dei tributi comportano, ai sensi dell’art. 13 del DLgs. n. 471/1997:
- in generale, l’irrogazione di una sanzione pari al 30% dell’importo non versato o tardivamente versato;
- per i versamenti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU