ACCEDI
Sabato, 13 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Lo split payment complica la gestione finanziaria e contabile delle imprese

Per le nuove fatture la disciplina richiede da subito la revisione dei sistemi amministrativi e della programmazione finanziaria

/ Giancarlo ALLIONE

Martedì, 13 gennaio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

La legge di stabilità 2015, art. 1 comma 629, ha disposto che gli enti pubblici non debbano più pagare l’IVA ai fornitori, ma che debbano versarla direttamente all’Erario con modalità ancora in via di definizione. Non sono interessati dalla disciplina i fornitori che emettono fatture con ritenuta d’acconto, così come quelli che effettuano operazioni soggette al meccanismo del reverse charge.
Il comunicato stampa n. 7/2015 del MEF (si veda “Split payment per le fatture emesse dopo il 1° gennaio 2015” del 10 gennaio) ha precisato che “è in fase di perfezionamento il decreto ... in materia di scissione dei pagamenti (split payment)”. Nel chiarire che la nuova disciplina si applica alle operazioni fatturate a partire dal 1° gennaio 2015, ha fornito alcune ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU