Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 30 giugno 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Donazione al trust «decettiva» ai fini del reato di riciclaggio

Per la Cassazione, il trasferimento si risolve nella dismissione attuata con atto a titolo gratuito di un bene acquistato con denaro di provenienza illecita

/ Maria Francesca ARTUSI

Martedì, 27 gennaio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Controversa e di centrale importanza è la problematica dell’identificazione del momento consumativo del reato di riciclaggio.

Con la sentenza n. 3415, depositata ieri, la Cassazione ha affrontato un ricorso avverso un decreto con cui si disponeva il sequestro preventivo per equivalente avverso l’erede di alcune somme provenienti da un reato di dichiarazione infedele ex art. 4 del DLgs. 74/2000. A costei era contestato il reato di riciclaggio ex art. 648-bis c.p. per aver ricevuto dei proventi dell’evasione fiscale commessa dal padre e con questi avere, in un primo momento, acquistato un immobile del valore di 400.000 euro e, successivamente, aver donato tale immobile per il valore di 53.700 euro a un trust.
La condotta di riciclaggio sarebbe integrata dalla sostituzione delle ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU