ACCEDI
Domenica, 26 maggio 2024

FISCO

Giro di vite sull’utilizzabilità del PVC nel processo penale

Per la Cassazione, modalità dell’art. 220 disp. att. coord. c.p.p da seguire quando emergono indizi di reato e non solo quando ne emerga la prova

/ Vincenzo PACILEO

Giovedì, 19 febbraio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 4919/2015, la Cassazione torna su un tema cruciale per la prova dei reati tributari. L’attività ispettiva degli organi deputati all’accertamento in materia tributaria, come la Guardia di Finanza e l’Agenzia delle Entrate, ha carattere amministrativo, con una duplice conseguenza.

Da una parte, l’accertamento non soggiace alle regole del contraddittorio stabilite dal codice di procedura penale, in particolare per quanto riguarda la garanzia del diritto di difesa. Dall’altra, il processo verbale di constatazione (PVC), che sintetizza l’esito dell’accertamento e può contenere – è il caso che ci interessa – rilievi di ordine penale, può essere utilizzato non solo come base investigativa, ma costituisce elemento di prova documentale direttamente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU