X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 27 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Conti svizzeri trasparenti dopo l’accordo

L’Amministrazione italiana potrà richiedere le informazioni relative a situazioni esistenti dal 23 febbraio 2015

/ Gianluca ODETTO

Mercoledì, 25 febbraio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

A seguito dell’avvenuta sottoscrizione dell’accordo con la Svizzera per lo scambio di informazioni, diventa più certo il quadro dei rischi per i contribuenti che decidono di non regolarizzare le violazioni connesse ad attività depositate nella Confederazione Elvetica attraverso la voluntary disclosure o il ravvedimento.

Dal testo della “road map” tracciata dalle due Amministrazioni fiscali all’atto della firma si rinvengono, infatti, alcune utili indicazioni per delineare le azioni che potranno essere intraprese dall’Agenzia delle Entrate nei confronti dei soggetti “non compliant”. È allo scopo necessario ricordare che tutta la materia è regolata da due assunti di fondo, il primo dei quali relativo all’aspetto temporale, per cui le richieste ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU