X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 22 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

I nuovi principi contabili «allungano» i termini di approvazione del bilancio

La struttura, non organizzativa, ma patrimoniale della società potrebbe richiedere stime complesse con impatto sui termini ordinari

/ Maurizio MEOLI

Mercoledì, 25 febbraio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Come ogni anno, l’approssimarsi della scadenza dei termini per l’approvazione del bilancio, porta gli amministratori ad interrogarsi sull’esistenza o meno delle condizioni per un rinvio. Quest’anno, in particolare, occorre chiedersi se l’utilizzo dei maggiori termini possa essere giustificato dall’obbligo di adottare i nuovi principi contabili nazionali.

Ai sensi dell’art. 2364 comma 2 c.c., il progetto di bilancio deve essere approvato dall’assemblea (ovvero, nelle srl, in presenza di specifica previsione statutaria, da una decisione non collegiale dei soci) entro un termine non superiore a 120 giorni dalla chiusura dell’esercizio sociale. Nello statuto, peraltro, si può prevedere un termine maggiore, comunque non superiore a 180 giorni, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU