X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 27 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Prelevamenti bancari con impatto soft nella voluntary

Il contribuente non deve giustificare i prelievi effettuati per esigenze personali e familiari

/ Alfio CISSELLO e Alessandro FORTE

Venerdì, 27 febbraio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nell’ambito della procedura di voluntary disclosure ex L. 186/2014 sono diffuse nella prassi situazioni in cui dall’analisi della movimentazione dei conti correnti esistenti all’estero e oggetto di disclosure risultano prelievi in contanti.
L’art. 5-quater del DL 167/1990 inserito dalla citata L. 186 prevede che il contribuente debba fornire tutta la documentazione necessaria per la determinazione dei redditi che derivano dalla dismissione o utilizzazione a qualunque titolo degli investimenti all’estero.
Si richiede quindi di documentare la dismissione degli investimenti nella sola prospettiva della determinazione dei redditi eventualmente originati dagli stessi.

A ben vedere, l’ipotesi di dismissione che pare riscontrarsi con una certa frequenza è ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU