X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Fallimento dell’impresa cancellata nell’anno dalla cessazione dell’attività

Il trasferimento fittizio della sede all’estero non impedisce la dichiarazione d’insolvenza in Italia

/ Michele BANA

Lunedì, 2 marzo 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il principio fissato dall’art. 10 del RD n. 267/1942, secondo cui l’imprenditore individuale e collettivo può essere dichiarato fallito non oltre l’anno dalla cancellazione dal Registro delle imprese, ha come necessario presupposto, in conformità alla sua stessa ratio, la corrispondenza tra cancellazione e cessazione dell’attività.
Lo ha stabilito la Corte d’Appello di Bologna, con la sentenza n. 157/2015, respingendo il reclamo depositato dal fallito, ai sensi dell’art. 18 L. Fall., avverso la sentenza dichiarativa della procedura concorsuale: in particolare, non è stata considerata rilevante la mera circostanza della cancellazione dal Registro delle imprese, per il trasferimento della sede all’estero, intervenuta oltre un anno prima della sentenza

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU