X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

IMPRESA

Sindaci responsabili con «segnali d’allarme» esistenti, percepiti e compresi

Il GUP del Tribunale di Torino fornisce importanti precisazioni in ordine al concorso dei sindaci/non revisori nel reato di false comunicazioni sociali

/ Maurizio MEOLI

Mercoledì, 4 marzo 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ai fini della configurabilità della responsabilità dei sindaci per concorso omissivo nel reato di false comunicazione sociali (art. 2622 c.c.) è necessario verificare la sussistenza dei seguenti elementi: emersione di specifici segnali d’allarme dell’illecito aventi un certo grado di anormalità (da valutare rispetto al garante); percezione e adeguata comprensione dei segnali d’allarme stessi; volontà di cagionare, attraverso la propria inattività, il successivo fatto illecito, sia pure in termini di dolo eventuale (ciò nonostante il complesso profilo psicologico della fattispecie in questione richieda, tra l’altro, anche il dolo specifico). È questa la sintesi penalistica della accurata e complessa sentenza n. 1801/2015 del GUP del Tribunale di Torino – già commentata ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU