X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

FISCO

Rimpatrio «fai da te» a rischio redditometro

Il rischio svanisce, invece, se si perfeziona la procedura di voluntary disclosure, con il pagamento di tutte le somme dovute

/ Alfio CISSELLO

Mercoledì, 25 marzo 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

La firma dell’accordo con la Svizzera relativo allo scambio di informazioni ha reso, per forza di cose, più appetibile la voluntary disclosure per molti contribuenti che detengono denaro negli istituti bancari elvetici.
Infatti, grazie a ciò non opera il raddoppio dei termini dell’art. 12 del DL 78/2009, e la riduzione delle sanzioni previste per l’inosservanza degli obblighi di monitoraggio fiscale è assai più consistente (per approfondimenti, anche relativi alle opportune valutazioni di convenienza, si rimanda alla recente Scheda Eutekne).
A questo deve aggiungersi il fatto gli istituti di credito svizzeri hanno introdotto forti limitazioni al trasferimento nonché al prelevamento del denaro ivi detenuto dai contribuenti italiani che non hanno ancora o non intendono fruire ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU