X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La Cassazione apre al riconoscimento dei costi nelle indagini finanziarie

In limitate ipotesi l’Ufficio deve riconoscere i «costi occulti» contestualmente all’accertamento di maggiori componenti positivi

/ Alessandro BORGOGLIO

Venerdì, 6 marzo 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Una delle problematiche ricorrenti in materia di accertamento fondato sulle indagini finanziarie consiste nell’eventuale riconoscimento della deducibilità dei cosiddetti “costi occulti”, ovvero di quei costi non risultanti dalla contabilità, ma che potrebbero assumere rilievo in contrapposizione ai maggiori ricavi/compensi accertati sulla base delle movimentazioni finanziarie non giustificate.

Di ciò si è occupata recentemente la Cassazione, con la sentenza n. 3777/2015, con cui i giudici di legittimità, dopo aver confermato la consolidata posizione giurisprudenziale che considera le indagini finanziarie assistite da una presunzione legale relativa, si sono spinti a stabilire che “come affermato più volte da questa Corte, in caso di accertamento induttivo fondato sulle ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU