X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 25 marzo 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per l’effettiva attività svolta dall’impresa conta il criterio sostanziale

Lo ha affermato la C.T. Prov. di Ascoli secondo cui la visura camerale e il codice ATECO non sono sufficienti per contestare il reverse charge

/ Nunzio RAGNO

Lunedì, 22 giugno 2015

La Commissione tributaria provinciale di Ascoli Piceno con sentenza del 12 maggio 2015 n. 250 pone un altro tassello sul valore probatorio espresso dalla visura camerale e dal codice statistico ATECO, che non rappresentano elementi sostanziali di prova per dimostrare l’effettivo svolgimento di una attività di impresa; infatti, i giudici stabiliscono che tali documenti e informazioni non siano sufficienti a dimostrare la reale attività svolta da parte di una impresa che non abbia una corrispondenza tra ciò che dichiara e ciò che esercita effettivamente.
Questo è il caso sottoposto al giudizio dei giudici di prime cure chiamati a pronunciarsi sul contenzioso tra l’Agenzia delle Entrate e una azienda che si occupa di commercio di oggetti preziosi usati, con riferimento all’applicazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU