X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 26 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Salta il raddoppio dei termini per violazioni penali

Un emendamento al Ddl. di stabilità elimina il raddoppio, allungando i termini ordinari di accertamento

/ Alfio CISSELLO

Mercoledì, 16 dicembre 2015

Un emendamento al disegno di legge di stabilità, presentato da Scelta Civica (primo firmatario Mariano Rabino) e approvato ieri pomeriggio dalla Commissione Bilancio della Camera – che, in serata, ha poi concluso il proprio esame sull’intero testo, dando mandato ai relatori per portarlo in Aula domani –, modifica in maniera significativa la disciplina dei termini di decadenza dal potere di accertamento.

L’intervento introduce un compromesso tra il termine “ordinario” e quello “raddoppiato” per violazioni penali rientranti nel DLgs. 74/2000.
Da un lato, il raddoppio per violazioni penali viene espunto, dall’altro, i termini normali vengono ampliati di uno o di due anni, a seconda del fatto che si tratti di dichiarazione presentata o di dichiarazione omessa. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU