X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Per i contratti di prossimità niente deroghe sui minimi contributivi

Il Ministero del Lavoro precisa che i contratti di prossimità non possono dettare una disciplina in deroga alle regole di determinazione dell’imponibile contributivo.

/ Mario PAGANO

Lunedì, 15 febbraio 2016

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con interpello n. 8 del 12 febbraio 2016 la Direzione Generale dell’Attività Ispettiva, rispondendo ai quesiti formulati dall’Ancl, affronta il delicato tema dei contratti di prossimità, ponendoli in rapporto alle agevolazioni contributive.

Il primo punto riguarda la possibilità di porre i livelli retributivi, fissati dai contratti di prossimità, quale base per il calcolo degli imponibili e ciò anche nell’ipotesi in cui si venisse a determinare una deroga ai minimi contributivi stabiliti dall’articolo 1 del DL 338/1989.
Il Ministero ricorda come l’istituto del contratto di prossimità sia disciplinato dall’articolo 8 comma 1 del DL 138/2011, convertito dalla L. 148/2011. Ai sensi di tale disposizione, i contratti collettivi di lavoro, sottoscritti a livello ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU