X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 24 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Brexit con notevoli ricadute IVA sulle operazioni tra Italia e Gran Bretagna

L’uscita dall’Unione europea avrà effetti sul trattamento di cessioni di beni e prestazioni di servizi

/ Simonetta LA GRUTTA

Lunedì, 27 giugno 2016

Con il referendum del 23 giugno 2016, la Gran Bretagna si è espressa favorevolmente in merito alla propria uscita dall’Unione europea. Per domani, 28 giugno, è stata fissata una sessione plenaria straordinaria del Parlamento europeo, durante la quale sarà votata una risoluzione sull’analisi del risultato del referendum e sulle azioni da intraprendere.
Anche se l’uscita effettiva si avrà solo tra due anni, è opportuno svolgere alcune prime considerazioni sugli effetti che, ai fini IVA, il nuovo assetto produrrà sulle cessioni e gli acquisti di beni e le prestazioni di servizi poste in essere con controparti inglesi.

Non essendo più parte della Ue, la Gran Bretagna potrà liberamente definire il numero e la misura delle aliquote d’imposta applicabili al consumo di beni e ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU