ACCEDI
Venerdì, 21 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

I controlli difensivi possono legittimare il licenziamento

Non si applica l’art. 4 della L. 300/70 se sono diretti ad accertare solo condotte lesive della sicurezza dei lavoratori e del patrimonio aziendale

/ Gabriele MORO

Mercoledì, 9 novembre 2016

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 22662, pubblicata ieri, la Suprema Corte ha affrontato il tema dei limiti di legittimità dei c.d. controlli difensivi, ovvero controlli finalizzati non già a verificare l’esatto adempimento delle obbligazioni direttamente scaturenti dal rapporto di lavoro, ma a tutelare il patrimonio aziendale e/o ad impedire la perpetrazione di comportamenti illeciti. Il tema, peraltro, ha visto alternarsi differenti soluzioni interpretative, oltre che imporsi la recente novella legislativa operata dall’art. 23 del DLgs. n. 151/2015, che ha modificato l’art. 4 della L. n. 300/1970, con rilevanti ripercussioni, infatti, anche sul tema in commento.

Nel caso di specie la Cassazione ha valutato la legittimità del licenziamento operato (nella vigenza della precedente formulazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU