ACCEDI
Mercoledì, 21 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

L’INPS paga il danno se comunica dati previdenziali sbagliati

Secondo la Cassazione, in tali casi per l’assicurato può concretizzarsi un danno da legittimo affidamento

/ Luca MAMONE

Mercoledì, 4 ottobre 2017

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nell’ipotesi in cui l’INPS comunichi a un proprio assicurato un’informazione sbagliata in ordine alla maturazione dei requisiti per accedere al trattamento pensionistico, merita in ogni caso tutela l’affidamento dell’assicurato e grava sull’istituto l’obbligo di risarcire il danno che può derivarne.
Lo ha ribadito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 23050/2017, intervenendo con riferimento al caso di un lavoratore collocato in mobilità nel 1999, sul presupposto determinato da un’erronea indicazione dell’INPS secondo cui erano sufficienti 18 mesi per la maturazione del requisito di 35 anni di contribuzione per la pensione di anzianità.

Il lavoratore aveva quindi sottoscritto un atto transattivo con rinuncia a impugnare il licenziamento, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU